Stop alle tasse sui prodotti elettronici importati in Europa grazie ad un appello dell’OMC?

L’OMC (Organizzazione Mondiale del Commercio) sembra essere d’accordo con gli Stati Uniti, il Giappone e Taiwan per quanto riguarda alcune tasse che l’Unione Europea applica sui prodotti elettronici. Le contestazioni del governo americano e degli altri due paesi fanno riferimento al patto ITA (Information Technology Agreement) che prevede l’assenza di tariffe per le esportazioni verso l’Europa in caso di prodotti tecnologici avanzati.


Il patto è stato già oggetto di diverse discussioni in quanto l’Unione Europea ha proposto un’interpretazione originale dei patti del 1996. L’OMC ha però portato avanti una lettura della situazione in maniera del tutto diversa, chiedendo di rileggere gli accordi dell’anno in questione per imporre all’UE un’aderenza ai principi originali dell’ITA.

I dispositivi inclusi in questa “causa” sono davvero tanti e comprendono, ad esempio, anche monitor e stampanti. Secondo l’Unione Europea, i monitor possono essere comparati alle televisioni, pretendendo un diritto di tassazione. I paesi precedentemente nominati, però, cercano un’interpretazione diversa a vantaggio dei prezzi finali sul mercato. Già dal 2008, effettivamente, l’UE ha applicato dazi e tasse che arrivano fino al 14%: cifre davvero elevate se si considera che soltanto i produttori americani hanno esportato dispositivi per 44 miliardi di dollari nel 2009.

L’Unione Europea avrebbe, in una prima fase, respinto l’appello dell’OMC tramite una richiesta di chiarimento ma adesso non ha il diritto di respingere anche la seconda. La Commissione Europea ha 60 giorni di tempo per appellare la decisione anche se i pareri su ciò che accadrà sono piuttosto contrastanti ed i 27 membri degli stati hanno visioni completamente diverse in materia.

Via | Macitynet

25 responses to this post.

  1. Posted by Kalo on 17/08/2010 at 18:48

    In parole povere?

    Rispondi

  2. Posted by St&f@no on 17/08/2010 at 18:50

    Ma quindi la tassa che farebbe aumentare il costo degli iPhone per esempio in Italia sarebbe cancellata? O ho capito male?

    Rispondi

  3. Posted by Alucard24 on 17/08/2010 at 18:50

    Riguarda anche la tassa Bondi per la SIAE?

    Rispondi

  4. Posted by Vita92 on 17/08/2010 at 19:04

  5. Posted by Dert86 on 17/08/2010 at 19:11

    Così pagheremo una ventina di euro in meno gli iPhone e ipad

    Rispondi

  6. Posted by luca on 17/08/2010 at 19:22

    si prima mettono la tassa bondi e poi fanno sta cosa qui. che repubblica delle banane che è l’italia. ma per piacere non succederà mai. è piu probabile che ci mettano un altra tassa

    Rispondi

    • Posted by Gigi on 17/08/2010 at 19:30

      Quoto! Il vecchio continente è davvero vecchio in tutto, soprattutto nel modo di pensare! La tecnologia viene considerata un lusso invece di uno strumento di evoluzione! Per forza poi la gente è diffidente…..e il resto del mondo ci considera bigotti!

      Rispondi

  7. Posted by Mattiu on 17/08/2010 at 19:32

    Tutto ció grazie alla battaglia politica di silvio berlusconi. L’unico che lotta per il bene del popolo.

    Rispondi

  8. Posted by Trader on 17/08/2010 at 20:19

    la tassa bondi non centra niente con le tasse applicate sui prodotti importati!
    (la tassa bondi inoltre incide solamente circa 1€)
    Se invece questa proposta fatta dal WTO venisse accetatta dall’UE sarebbe una gran cosa per tutti noi appassionati della melina perchè si potrebbero verificare abbassamenti dei prezzi di anche il 10%!
    Un saluto

    Rispondi

  9. Posted by Vito on 17/08/2010 at 20:31

    L’UE è il territorio più tassato. Tutta la burocrazia interna ad ogni paese (e in Italia che burocrazia!) più quella di Bruxelles qualcuno la deve mantenere. Ecco perché abbiamo queste tasse alte.

    Rispondi

  10. Posted by Rino on 17/08/2010 at 21:55

    Tanto l’italia e un posto dove i politici possono rubare e la popolazione, dice ma qui ma la… E poi stanno zitti senza fare niente.. E normale che poi mettono tasse per rubare… Tanto la popolazione non fa niente… Cmq speriamo che qualcosa si smuova…

    Rispondi

  11. Posted by ToDDoLo on 17/08/2010 at 23:42

    Sia l’Unione europea, sia i 27 Stati membri sono Membri di diritto del WTO. A questo punto credo che la Commissione europea gestisca in modo accentrato la questione al fine di addivenire ad una decisione uniforme sul territorio dell’Unione. Certo, la circostanza che l’Unione abbia applicato tasse e dazi fino al 14% mi sembra davvero strano: una situazione del genere può essere tollerata solo al cospetto di giustificazioni realmente forti.

    Rispondi

  12. Posted by Alessandro Piccirillo on 17/08/2010 at 23:53

    Se non Si pagano le tasse per questo i soldi li prendono sempre da altre parti!! Alla fine siamo sempre noi a pagare!!!!

    Rispondi

  13. Posted by IpEniAgipEssoQ8Tamoil on 20/08/2010 at 08:26

    Lo sapete che in italia si paga una tassa sulla benzina, e di conseguenza su tuttociò che viene trasportato, tra cui i nostri beneamati iPhone, ma anche le banane e la farine o l’acqua…risalente ad un decreto Regio (del Re) per la “sovvenzione” alle truppe armate della Grande Guerra, anche detta Prima Guerra Mondiale (’15-’18)???

    Poi ce ne fu una simile per la Seconda Guerra Mondiale voluta da Mussolini…

    Poi un’altra ancora voluta dalla Corte Costituente per la ricostruzione…

    E la cosa bella che da allora nessuno ha pensato a toglierla!!!

    Ecco perchè in Italia la benzina costa mooooooooooooolto più che in qualsiasi paese Occidentale!!!

    Il tutto pari a circa 50cents odierni a litro… (era\è calcolata in percentuale sul costo della benzina di allora e di oggi!)

    Pensateci, su 1,40€ di benzina, 50c sono di queste tasse vecchie di un secolo, 28c sono d’IVA, praticamente al litro dovremmo pagare circa 60 cents…così come nella media del resto dell’Occidente…ma invece siamo in Italia………………….e siamo governati da Italiani………………………!!!

    Fatevi due calcoli per sapere quanti soldi hanno dato gli italiani allo stato per le guerre e per ricostruire…e dove sono finiti? ahahahahahaha

    Di tasse come queste siamo pieni……….anche l’iPhone non è normale che in Italia costi più che nel resto del mondo!

    Siamo il Paese al Mondo con la percentuale più alta di cellulari rispetto al numero di abitanti, perchè nessuno si fa sentire???

    Dovremmo essere considerati “un buon mercato”, invece siamo considerati “un mercato da sfruttare”…

    Rispondi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: