Apple rifiuta aggiornamento di Read It Later a causa dell’obbligo di registrazione

Gli sviluppatori di Read It Later, applicazione che ci consente di gestire l’omonimo servizio comodamente anche sul nostro iPhone, si sono visti rifiutare da Apple un aggiornamento della propria applicazione a causa del fatto che essa richiedesse la registrazione al servizio per essere utilizzata.

Questo è quello che Apple ha scritto nella mail contenente la motivazione del rifiuto.

“Abbiamo recensito le vostre applicazioni, ma non possiamo pubblicare su AppStore queste versioni, dato che richiedono agli utenti la registrazione inserendo informazioni personali, senza fornire un servizio basato su account […]

Le applicazioni non possono richiedere una registrazione solamente per accedere alle loro stesse funzioni e la registrazione dovrebbe essere opzionale o limitata alle applicazioni che richiedono un servizio basato su account […]”

Riassumendo, Apple non accetta che un’applicazione richieda la registrazione (con il conseguente inserimento di dati personali) a meno che non offra un servizio che si basi su account. Il problema in questo caso però è inverso: Read It Later è un servizio completamente basato sulla registrazione di un account online, tramite il quale tenere sincronizzate le pagine aggiunte alla nostra Reading List e poter usufruire di altre funzioni.

Inoltre, stando alle parole di Apple, “le applicazioni non dovrebbero richiedere una registrazione per poter accedere alle proprie funzioni”: ciò significa che anche applicazioni per la gestione dei social network o servizi online (quali Facebook, Twitter o Google Reader) dovrebbero offrire all’utente la possibilità di essere utilizzate anche senza registrazioni, il che però è chiaramente privo di ogni senso.

Il tutto si è poi concluso bene per gli sviluppatori, dato che inviando nuovamente l’aggiornamento per l’approvazione ad Apple, hanno avuto esito positivo.

via | AppAdvice

5 responses to this post.

  1. Posted by e1ia on 24/08/2010 at 09:27

    ora e’ disponibile, non ho capito cosa hanno… cmq ogni vaslta se ne fa un caso🙂

    Rispondi

    • Posted by Dan1987 on 24/08/2010 at 09:51

      Infatti visto che poi è stata accettata non capisco l’utilità di questa notizia…

      Rispondi

      • Posted by KrysObscure on 24/08/2010 at 10:24

        credo vogliano fare notare la risposta da parte di apple, non se l’app, alla fine, sia stata approvata o meno.

  2. Posted by e1ia on 24/08/2010 at 10:39

    cmq app ottima in combo con osforaa (twitter client)

    Rispondi

  3. ragazzi è ovvio che l’argomento di questo post non è il fatto che alla fine l’app sia in AppStore o meno, ma lo strano comportamento di Apple.

    Rispondi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: